Robotic – Wikipedia

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

Un robotic (pron. robòt o robó, all’inglese ròbot[1]) è una qualsiasi macchina (più o meno antropomorfa) in grado di svolgere, più o meno indipendentemente, un lavoro al posto dell’uomo. Il nome proviene dalla parola ceca robota che significa lavoro pesante, a sua volta derivata dall’antico slavo ecclesiastico rabota, servitù[2]; raramente è italianizzato in roboto (ròboto)[three][four][5].

Un moderno robot intento a suonare una tromba.Origine del termine[modifica la sostanza viva detta protoplasma finché un bel giorno scoprì una sostanza il cui comportamento era del tutto uguale a quello della sostanza viva sebbene presentasse una differente composizione chimica, generation l’anno 1932 […]. Per esempio, poteva ottenere una medusa con il cervello di Socrate oppure un lombrico lungo cinquanta metri. Ma poiché non aveva nemmeno un pochino di spirito, si ficcò in testa che avrebbe fabbricato un normale vertebrato, addirittura l’uomo. […] Doveva essere un uomo, visse tre giorni completi. Il vecchio Rossum non aveva un briciolo di gusto. Quel che fece generation terribile. Ma dentro aveva tutto quello che ha un uomo. Davvero, un lavoro proprio da certosino. E allora venne l’ingegner Rossum, il nipote del vecchio. Una testa geniale. Appena vide quel che stava facendo il vecchio, disse: È assurdo fabbricare un uomo in dieci anni. Se non lo fabbricherai più rapidamente della natura, ce ne possiamo benissimo infischiare di tutta questa roba. […] Gli bastò dare un’occhiata all’anatomia per capire subito che si trattava d’una cosa troppo complicata e che un buon ingegnere l’avrebbe realizzata in modo più semplice. […] Quale operaio è migliore dal punto di vista pratico? È quello che costa meno. Quello che ha meno bisogni. Il giovane Rossum inventò l’operaio con il minor numero di bisogni. Dovette semplificarlo. Eliminò tutto quello che non serviva direttamente al lavoro. Insomma, eliminò l’uomo e fabbricò il Robot.»

Il termine robot deriva dal termine ceco robota, che significa lavoro pesante o lavoro forzato (al plurale in ceco è roboty, mentre in italiano è invariabile). L’introduzione di questo termine si deve allo scrittore ceco Karel Čapek, il quale usò in line with la prima volta il termine nel 1920 nel suo dramma teatrale R.U.R. in keeping with definire l’operaio artificiale. In realtà come affermato dall’autore stesso nel testo La parola robot, non fu il vero inventore della parola, che gli venne suggerita al posto dell’originario “hard work” dal fratello Josef, scrittore e pittore cubista[6]. I due avevano già affrontato il tema in alcuni testi scritti a quattro mani e in particolare nel racconto del 1917 di Josef Čapek, Opilec (L’ubriacone), nel quale però aveva usato il termine automat, automa. Il grande successo delle rappresentazioni dell’opera di Čapek in tutto il mondo servì a diffondere il termine robotic, che è stato poi assimilato in quasi tutte le lingue del mondo.

Secondo altre ricerche, tuttavia, l. a. parola robotic compariva già verso la metà del XIX secolo: in The Modern Vassal di John Wilmer (1849), in Elements of Political Economy di Henry Dunning Macleod (1848), in The Village Notary. A Romance of Hungarian Life di József Eötvös (1850), in Austria di Peter Evan Turnbull (1849), in Hungary in 1851 di Charles Loring Brace (1852), in Il caso dell’uomo deforme di Sir Arthur Conan Doyle (1893). Il vocabolo risulterebbe dunque esistente oltre mezzo secolo prima che la adoperasse Čapek e ben diffuso in Europa centro-orientale in keeping with indicare l. a. servitù della gleba. Esiste inoltre un vocabolario ceco-italiano stampato nel 1831 a Praga che registra l. a. parola robotic traducendola come “giorni di lavoro”. In conclusione, il vocabolo non sarebbe stato coniato da Čapek ma risalirebbe, almeno, a quasi un secolo prima di questa sua attribuzione.[7]

La radice della parola non è solo della lingua ceca, infatti parole simili esistono in varie lingue slave: robota significa lavoro anche in polacco, ed in russo ed ucraino è rabota; in polacco esiste anche il termine robotnik, operaio, mentre il verbo robić significa fare.

Anche se i robot di Čapek erano uomini artificiali organici, la parola robotic viene quasi sempre usata in line with indicare un uomo meccanico. Il termine androide (dal greco anèr, andròs, uomo, e che quindi può essere tradotto a forma d’uomo) può essere usato in entrambi i casi, mentre un cyborg (organismo cibernetico o uomo bionico) indica una creatura che combina parti organiche e meccaniche (uomo bionico).

Il termine robotica venne usato in line with l. a. prima volta (su carta stampata) nel racconto di Isaac Asimov intitolato Bugiardo! (Liar!, 1941), presente nella sua famosa raccolta Io, robot. In esso, egli citava le tre regole della robotica, che in seguito divennero le Tre leggi della robotica (poi accresciute a quattro con l’introduzione della Legge Zero).

L’idea di persone artificiali risale almeno all’antica leggenda di Cadmo, che seppellì dei denti di drago che si trasformarono in soldati; e al mito di Pigmalione, l. a. cui statua di Galatea prese vita. Nella mitologia classica, il deforme dio del metallo (Vulcano o Efesto) creò dei servi meccanici, che andavano dalle intelligenti damigelle dorate a più utilitaristici tavoli a tre gambe che potevano spostarsi di loro volontà. La leggenda ebraica ci parla del Golem, una statua di argilla, animata dalla magia cabalistica. Nell’estremo Nord canadese e nella Groenlandia occidentale, le leggende Inuit raccontano di Tupilak (o Tupilaq), che può essere creato da uno stregone in keeping with dare la caccia e uccidere un nemico. Usare un Tupilaq in step with questo scopo può essere un’arma a doppio taglio, in quanto una vittima abbastanza ferrata in stregoneria può fermare un Tupilaq e riprogrammarlo in step with cercare e distruggere il suo creatore.

Il primo progetto documentato di un robotic umanoide venne fatto da Leonardo da Vinci attorno al 1495. Degli appunti di Da Vinci, riscoperti negli anni cinquanta, contengono disegni dettagliati in line with un cavaliere meccanico, che era apparentemente in grado di alzarsi in piedi, agitare le braccia e muovere testa e mascella. Il progetto era probabilmente basato sulle sue ricerche anatomiche registrate nell’Uomo vitruviano.

Il primo robot funzionante conosciuto venne creato nel 1738 da Jacques de Vaucanson, che fabbricò un androide che suonava il flauto, così come un’anatra meccanica che, secondo le testimonianze, mangiava e defecava. Nel racconto breve di E.T.A. Hoffmann L’uomo di sabbia (1817) compariva una donna meccanica a forma di bambola, nel racconto Storia filosofica dei secoli futuri (1860) Ippolito Nievo indicò l’invenzione dei robotic (da lui chiamati “omuncoli”, “uomini di seconda mano” o “esseri ausiliari”) come l’invenzione più notevole della storia dell’umanità, e in Steam Man of the Prairies (1865) Edward care-o-bot-research.org S. Ellis espresse l’affascinazione americana per l’industrializzazione. Giunse un’ondata di storie su automi umanoidi, che culminò nell’Uomo elettrico di Luis Senarens, nel 1885.

Una volta che l. a. tecnologia avanzò al punto che l. a. gente intravedeva delle creature meccaniche come qualcosa più che dei giocattoli, la risposta letteraria al concetto di robot rifletté le paure che gli esseri umani avrebbero potuto essere rimpiazzati dalle loro stesse creazioni. Frankenstein (1818), che viene spesso definito il primo romanzo di fantascienza, è divenuto un sinonimo di questa tematica. Quando il dramma di Čapek, R.U.R., introdusse il concetto di una catena di montaggio operata da robot che costruivano altri robot, il tema prese delle sfumature politiche e filosofiche, ulteriormente disseminate da movie classici come Metropolis (1927), il popolare Guerre stellari (1977), Blade Runner (1982) e Terminator (1984).

Nella introduzione al suo romanzo Abissi d’acciaio, Asimov ha detto di avere fatto in tale serie «Il primo uso della parola robotica nella storia del mondo, in line with modifica wikitesto]

Robot usato according to sollevare lastre di vetro.